Rodano e il volontariato


LETTERA ALLA REDAZIONE

 

Il volontariato è una forza spesso poco visibile ma fondamentale per la società e sempre più dilagante: se ne sono accorti persino gli enti sovranazionali, quali la Commissione Europea e l’Onu, che invocano un coinvolgimento sempre più efficace di questo grandissimo capitale umano, senza il quale molti servizi non potrebbero venir erogati.

La Regione Lombardia ha recepito questa tendenza e il 24 Luglio 1993 ha emanato una legge, la 22, che nell’articolo 1 “riconosce il ruolo del volontariato come strumento di solidarietà sociale e di concorso autonomo alla individuazione dei bisogni ed al conseguimento dei fini istituzionali dei servizi, ne promuove lo sviluppo salvaguardandone l’autonomia ed il pluralismo ne riconosce la funzione di promozione culturale e di formazione ad una coscienza della partecipazione.”

Anche Rodano si è allineata producendo un regolamento che ha cercato di cogliere il meglio dai regolamenti di tantissimi altri comuni e attivando un servizio atto a combinare i bisogni che emergono e le risorse, ovvero i talenti di quanti si renderanno disponibili iscrivendosi al suo Albo. A parte la risoluzione di situazioni specifiche, attivare il volontariato favorisce l’aggregazione e il senso di appartenenza alla comunità, oltre a conferire ai cittadini un potere, se non altro di tenere d’occhio l’andamento della vita del paese e la sua amministrazione. Votare, per poi magari lamentarsi, non basta e di certo non risolve i problemi… Il regolamento in questione è scaricabile dal sito web del Comune, alla pagina “fare volontariato”: http://www.comune.rodano.mi.it/pagina51_fare-volontariato.html

Associazioni di volontariato e volontariato civico

La legge di cui sopra prevede delle convenzioni per le associazioni purché siano riconosciute come ONLUS (senza scopo di lucro) e siano presenti stabilmente sul territorio e iscritte al suo albo. A Rodano ne esistono già alcune che svolgono un servizio egregio, ad esempio il Fontanile e la Polisportiva, che hanno una convenzione per la gestione rispettivamente del Punto Parco e della Palestra.

Il regolamento appena approvato da Rodano intende dare la possibilità di agire anche ai singoli cittadini: è questo, il volontariato civico.

Che cosa può fare il volontario civico

Può partecipare a progetti già decisi, ma anche presentarne di propri, a condizione che apportano un beneficio alla comunità. Tra gli elementi di valutazione ci saranno anche gli strumenti e i mezzi necessari per realizzarli.

Quali tipi di progetti/servizi possono essere realizzati dal volontariato civico

Sono elencati nel regolamento, comunque essenzialmente quelli che rispondono a tre caratteristiche fondamentali:

  • devono portare un valore aggiunto, qualcosa di nuovo, alla comunità;
  • devono comportare un basso tasso di rischio;
  • non devono essere progetti “camuffati”, ovvero volti a coprire mansioni che competono agli impiegati comunali.

C’è comunque spazio per ogni tipo di iniziativa. Due esempi per tutti: abbellire e curare le rotatorie (si veda come sono quelle di Seggiano) e vigilare sulla regolarità ed efficienza dei trasporti pubblici. Quest’ultimo potrebbe venire facilissimamente svolto da chi li prende abitualmente senza bisogno di dedicare altro tempo. Un altro esempio è quello del Parco dei Morettoni, già curato da tre persone.

Se può essere prevista la fornitura da parte del Comune di strumenti utili alla realizzazione dei progetti, al momento non sono accettabili progetti che richiedano l’uso di veicoli, né comunali né privati, perché richiederebbero un’organizzazione, una certificazione e un’assicurazione difficilmente gestibili da un Comune come il nostro. Ci sono peraltro diverse persone che si sono già offerte di trasportare, ad esempio, gli anziani da una frazione all’altra: per queste si fornirà un servizio “contatti” anche grazie a strumenti tecnologici via telefonino o computer (es: BlaBla Car Service).

Assicurazione per i volontari

È prevista un’assicurazione collettiva, non nominativa, che assicura fino a trenta persone. Sarà cura dell’Amministrazione Comunale evitare di impiegarne di più contemporaneamente.

L’Ufficio Volontari: una specificità di Rodano!

Almeno al momento Rodano è l’unico paese in Italia a prevederlo. L’ufficio ha i compiti di gestire l’albo dei volontari, accogliere i nuovi progetti, curare che rispettino il regolamento, sorvegliare l’andamento dei progetti decisi, combinare i progetti e i volontari dotati delle abilità utili. Sarà affiancato da due garanti nominati dal Sindaco con il compito di assicurare che volontari e progetti rispettino normative e regolamenti.

Chi può partecipare come volontario

Ovviamente i residenti, ma anche chi abiti regolarmente qui pur avendo la residenza in altri comuni e gli extra-comunitari o comunque non italiani purché forniti di regolare permesso di soggiorno. Tutti devono avere almeno 18 anni di età. E tutti devo essere iscritti all’Albo dei volontari.

Come iscriversi e quando

Gli aspiranti dovranno richiedere l’iscrizione all’Albo dei volontari compilando un modulo che può essere ritirato in Comune o scaricato dalla pagina web di cui sopra: http://www.comune.rodano.mi.it/pagina51_fare-volontariato.html. Nel modulo sono richiesti alcuni dati anagrafici, le abilità, la disponibilità di tempo e così via.

Ci si può iscrivere in qualunque momento, non ci sono termini di tempo e l’iscrizione non comporta alcun obbligo.

Chi vuole proporre un nuovo progetto

Può cominciare parlandone con l’Ufficio volontari, che l’aiuterà nella stesura della formulazione scritta e l’indirizzerà verso le persone o gli uffici comunali adatti per deciderne la fattibilità e realizzarlo.

Bisogni e risorse: il progetto va oltre

Il lavoro sul Volontariato Civico permetterà di realizzare un ulteriore progetto: “inventariare” i bisogni e le risorse, ovvero i servizi o i “talenti”, disponibili nel nostro territorio. È un progetto importante, che intende rendere il nostro paese sempre più vivibile e improntato al senso della comunità e alla solidarietà: una rete, insomma.

Un grande esperimento

Sì, il progetto Volontariato Civico è in fase sperimentale, il che implica che, pur avendolo studiato con grande attenzione, potrà aver bisogno di aggiustamenti e di commenti da parte dei cittadini…

L’Amministrazione Comunale

Una Risposta

  1. I miei più sentiti complimenti e ringraziamenti all’Amministrazione Comunale riguardante il volontariato. Ci voleva proprio qualcuno che facesse qualcosa di serio ed importante per Rodano e i Rodanesi, dopo vent’anni di “silenzi”, “inattività” di altissimo livello e mancanza di iniziative utili, oppure mediocri (poche).
    Bravi, bravi!
    Manderò la mia iscrizione come volontario appena possibile.
    .

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: