E le piste ciclabili?


I lavori per la Brebemi incalzano ma qualcuno si è dimenticato delle ciclabili nel tratto rodanese della Rivoltana. Come si farà ad attraversare la Brebemi in bicicletta?

L’interpellanza

Il primo di giugno del 2012 Progetto Rodano ha presentato al Sindaco Comaschi un’interpellanza con la quale si chiedeva conto della parte del progetto MIBici riguardante il tratto rodanese della SP 14 Rivoltana. La risposta, giunta un mese dopo, è stata poco più che deludente: “siamo certi di aver operato nell’interesse dei nostri cittadini e del nostro territorio”. Nella sua lettera di risposta il Sindaco ha elegantemente sorvolato sul tema dell’interpellanza (Progetto MIBici) enfatizzando invece il fatto che l’Amministrazione è riuscita a negoziare una sopraelevata che da Rodano porta a La Fopa, corredata di ciclabile. In realtà non ha ottenuto niente di speciale se non l’applicazione delle norme che prevedono che i cavalcavia siano sempre corredati da marciapiedi per permettere agli automobilisti in panne di sostare in sicurezza ed il “minimo sindacale” per impedire agli abitanti de La Fopa di restare murati dietro la Brebemi. Il Sindaco ha però puntualizzato che da La Fopa si potrà poi proseguire, sempre in bicicletta, per Pobbiano e quindi per Limito-Pioltello. Mentre, sempre utilizzando la citata sopraelevata, si potrà, girando a destra, proseguire per Vignate. Peccato che il proseguimento per raccordarsi con le ciclabili con Vignate non esiste e non è previsto. In realtà si tratta di una strada di servizio (non una ciclabile quindi) chiesta dagli Invernizzi per accedere alle loro proprietà. Verso Milano, invece, la ciclabile vera e propria morirà a La Fopa e ciò che proseguirà per la frazione di Pobbiano, per permettere ai residenti de La Fopa di raggiungere la fermata del pullman,  sarà un marciapiede largo 1,5 m che di ciclabile non avrà niente. Da lì in poi, per proseguire per Limito, di ciclabili non ne esistono, né sono previste.

Da che parte si esce?

Nello scenario prospettato dal Sindaco, emerge a dir poco in modo sconcertante la mancanza di attenzione per il resto del territorio. Se, ad esempio, un residente di Millepini volesse spostarsi in bicicletta da Piazza delle Betulle alla stazione ferroviaria di Seggiano, che in linea d’aria dista poco meno di 2,3 chilometri, anziché percorrere una distanza minima di circa 2,5 chilometri (sulla base del piano proposto con l’interpellanza di Progetto Rodano, in armonia con il Progetto MIBici) dovrà percorrere (sulla base di quello che ci racconta il Sindaco Comaschi) circa 5 chilometri. Comodo, no? L’Amministrazione sa bene che per incentivare l’uso delle ciclabili queste devono rappresentare il percorso più breve e più sicuro per spostarsi da un punto all’altro. E, dettaglio non trascurabile, devono essere a norma, cioè larghe a sufficienza e corredate della segnaletica previste dalla legge. Forse il Sindaco non ha mai visto la mattina e la sera percorrere in bicicletta e a piedi decine di lavoratori provenienti da Limito che lavorano nelle aziende di Via Papa Giovanni XXIII che, a Brebemi ultimata, si ritroveranno a percorrere, senza ciclabili, una strada con un traffico forse più veloce. Ma, si sa, quei lavoratori non votano nel Comune di Rodano!

Non bisogna essere degli scienziati per capire che dopo che la Brebemi sarà ultimata (e la nostra Amministrazione Comunale non ci ha ancora spiegato come sarà organizzata la viabilità nel nostro Comune durante l’esecuzione dei lavori) sarà più difficile di oggi passare dall’altra parte della Rivoltana per pedoni e ciclisti. Senza piste ciclabili e relativi attraversamenti distribuiti lungo il tratto di Rivoltana che attraversa il nostro comune diventerà difficile per tutti i rodanesi che usano la bicicletta muoversi fuori dai confini comunali.

La petizione

Per superare l’immobilismo della nostra Amministrazione Comunale i gruppi consiliari di Progetto Rodano e Gente di Rodano hanno deciso di promuovere una raccolta firme a sostegno di una petizione indirizza al Consorzio B.B.M. e alla Provincia di Milano con la quale si chiede il completamento dell’asse portante della ciclabile che corre lungo la Rivoltana, come previsto dal Piano per la Mobilità Ciclistica MIBici (approvato nel 2008).

.

Obiettivo della raccolta firme

.

.

Da questa tabella risulta evidente che nel Comune di Rodano non sono previsti attraversamenti ciclo-pedonali per andare sul lato nord della Rivoltana. L’unico passaggio previsto sarà quello che porterà da Rodano a “La Fopa”. L’obiettivo della petizione è quello di convincere la Provincia ed il Consorzio Brebemi a realizzare una rete di ciclabili che permetta ai rodanesi di muoversi in bicicletta da e per i comuni limitrofi.

Facciamo pertanto appello a tutti i rodanesi che hanno a cuore il proprio territorio di firmare la petizione per superare l’immobilismo e l’isolazionismo della nostra Amministrazione.

Ricordiamo ai nostro concittadini che possono firmare la petizione anche presso La Elle, il giovedì dalle ore 21.30.

.

Progetto Rodano © RIPRODUZIONE RISERVATA

Per coloro che desiderano approfondire l’argomento Brebemi, in questa pagina è possibile prendere visione delle tavole di dettaglio della parte di progetto che interessa il Comune di Rodano. I file sono in formato PDF ad alta definizione. 

4 Risposte

  1. […] firme di cittadini rodanesi e comuni limitrofi con la quale si chiede il completamento dell’asse portante della ciclabile che corre lungo la rivoltana. Questa campagna ha avuto il sostegno formale di tutto il Consiglio […]

    "Mi piace"

  2. […] A metà settembre i gruppi consiliari di Progetto Rodano e Gente di Rodano hanno promosso la raccolta firme a sostegno della petizione e ad oggi sono state raccolte più di mille […]

    "Mi piace"

  3. Oggi Progetto Rodano ha raccolto le firme anche a Pioltello e Limito, sotto i gazebo della Lista per Pioltello, che sostiene attivamente la petizione di Progetto. Speriamo di avere altre occasioni di collaborazione in futuro.

    http://pioltello.wordpress.com/2012/10/06/raccolta-di-firme-per-la-ciclabile-sulla-rivoltana/

    "Mi piace"

  4. Manca ancora un tratto della ciclabile per Cassignanica, dopo l’infelice attraversamento della provinciale bisogna uscire contromano senza alcuna possibilita’ di scampo.
    Tullio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: