Rodano, i nonni della RSA tornano bambini


RODANO, I NONNI DELLA RSA TORNANO BAMBINI GRAZIE AI TRENINI ELETTRICI E AL CORO DEGLI ALPINI DI GESSATE

L’occasione di poter tornare bambini giocando per ore con rumorosi trenini elettrici; lo sguardo ammirato su accurate riproduzioni in scala del Duomo, di antichi velieri e persino di una ghiacciaia degli anni Cinquanta riempita con le provviste dell’epoca; l’emozione di ascoltare dal vivo il coro degli alpini di Gessate: sono stati questi i principali ingredienti del pomeriggio di grande serenità e allegria trascorso dagli ospiti della RSA di Rodano, gestita dal gruppo Sereni Orizzonti.

L’evento, realizzato grazie alla collaborazione con le associazioni “Amici di Rodano” e “Un’ondata di modellismo”, ha visto la partecipazione del neo Sindaco di Rodano Roberta Maietti. Un ricco buffet in giardino, con vin brulè e stuzzichini, ha infine consentito ai parenti degli ospiti e alle maestranze del territorio di familiarizzare con la direttrice Cristina Viola, con la psicologa Miriam Zini e con tutto il personale della struttura che, estendendosi su un’area di 4mila metri quadrati in Via De Gasperi, dispone di 90 posti letti per anziani non autosufficienti.

Vittorio Pezzuto – Responsabile Relazioni Esterne “Sereni Orizzonti”

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Bye-bye, Leonardo!


In concomitanza con Rodano in festa 2019 si è concluso il ciclo intitolato “Leonardo a Rodano” sotto l’egida della Pro Loco e il patrocinio del Comune.

L’intento dichiarato era di inserirci (un po’ presuntuosamente, ebbene sì) nelle celebrazioni svolte in tutto il mondo per il cinquecentenario della sua morte. Al tempo stesso abbiamo cercato di differenziarci, vuoi per l’ovvia consapevolezza di non poter competere con tanti autorevoli enti, vuoi, soprattutto, per “ridare aria e respiro” a un genio che, prima di essere tale, era un uomo con le sue luci, le sue ombre, i suoi successi e i suoi errori. Un approccio, insomma, teso ad avvicinare, a risvegliare affetto oltre che ammirazione, se non soggezione.

Il ciclo era cominciato in marzo,  con Nell’antro di Leonardo: la “ex-biblioteca” e l’aula magna della Scuola media hanno ospitato i modelli funzionanti delle macchine da guerra realizzati dal soresinese Enzo Poli in una mostra allestita con il gruppo “Un’ondata di modellismo”; un piccolo spaccato  della sua vita quotidiana con la fantesca Maturina (Elena Moretti e Lauro Maiani) nello studio arredato dalla Contraddanza e arricchito dalla presenza di suoi membri in costume; i lavori dei piccoli della scuola materna, incluso uno straordinario “bimbo vitruviano”; un suo ponte costruito dagli scout; il servizio d’onore a cavallo del gruppo R&D; il ristoro con gli Amici di Rodano… Una squadra che in realtà non è stato difficile chiamare a raccolta: che sia stato perché piaceva l’idea di “togliere un po’ di muffa” a un talento così tanto italiano, così profondamente nostro?

Nel contempo è stato lanciato il mini-concorso di scrittura fantasy immaginando che Leonardo, durante i soggiorni a Milano e Vaprio d’Adda, sia passato da Rodano. Grazie all’adesione delle loro insegnanti, i ragazzi della scuola media hanno vistosamente battuto gli adulti per 41 a 3…. Tutti  hanno ricevuto un attestato di partecipazione e gli elaborati sono stati inclusi in un libretto che è stato donato alla scuola e alla Biblioteca. Soprattutto per la massiccia presenza di ragazzi, si è deciso in tal modo di evitare classifiche premiando tutti; tuttavia, alla fine di Rodano in festa, è stato letto l’elaborato decisamente particolare di Gennaro Aprea: una lettera in “fiorentino aulico” che Leonardo avrebbe scritto all’amico Sandro Botticelli raccontandogli di una sua “disavventura” rodanese culminata con un suo celebre ritratto femminile, la Scapigliata.

Per favorire la partecipazione al concorso e per dare un certo fondamento storico alla fantasia, nel contempo cercando di suscitare amore per il nostro paese, il 17 maggio, in Biblioteca, si è tenuta una serata dal titolo Rodano ai tempi di Leonardocon la presenza e l’avallo di Domenico Barboni, il conoscitore più approfondito del territorio. A dispetto di quanti sostenevano che, a quell’epoca, qui non c’era nulla, si è visto che già esistevano realtà tuttora presenti, tra le quali le chiese di Lucino e Cassignanica (ovviamente con un aspetto diverso da oggi) e alcune cascine “nobili”. Addirittura ce n’era una di proprietà dei Melzi d’Eril, la famiglia che ospitò Leonardo a Vaprio e alla quale apparteneva Francesco Melzi, suo allievo prediletto che lo seguì fino all’ultimo: possibile che i due non ci abbiano fatto almeno una capatina insieme? Era quella che i rodanesi da più vecchia data conoscevano come Cascina Arrigoni e che ora ha lasciato il posto alle abitazioni, per intenderci, sulla strada per il Viridea. C’erano persino due importanti stazioni di posta, a Pobbiano e Trenzanesio, sulla strada che Leonardo deve avere sicuramente percorso nei suoi spostamenti.

A proposito di fantasy, è noto che Leonardo scrisse favole con animali anche immaginari. Per ricordarlo, Il 14 settembre, secondo giorno di Rodano in festa, nel parco di Via Venezia a Millepini, il giovanissimo artista rodanese Ivan Crescini ha curato un laboratorio di disegno di draghi con il supporto di Debora Persico. I ragazzi, ai quali era dedicato, si sono impegnati e divertiti tantissimo! Ivan, che aveva già partecipato alla mostra collettiva dello scorso 18 maggio, si unirà a Debora Persico, Marcella Bonfanti e altre artiste per i laboratori per bambini che si terranno in biblioteca: un ottimo “acquisto”, dunque, che speriamo serva da esempio per tanti giovani un po’ “latitanti”…

Torniamo indietro di un giorno per il clou del progetto: un vero e proprio spettacolo rappresentato il 13 settembre all’Ottagono, riaperto solo per l’occasione e agghindato e pavesato con gli stendardi del nostro Palio, amorosamente conservati dagli amici della Contraddanza, e con altri arredi scenici. Il contributo di questo gruppo, unico sopravvissuto al Palio, è stato a dir poco determinante per l’intero ciclo: senza di loro, nulla o quasi di tutto ciò che è stato realizzato per Leonardo sarebbe stato possibile. In questa circostanza, dalla ripulitura del locale da polvere e ragnatele (già, l’hanno fatto loro), all’allestimento, al supporto tecnico di Lauro Maiani con sua strumentazione, alle danze, alcune delle quali appositamente studiate dal loro “capitano” Alessandro Mattioni e ad altro ancora, hanno costituito un motore inestimabile.

Il titolo, Leonardo, l’uomo che venne dal futuro – un ponte fra i secoli e le dimensioni lasciava presagire il tema, ossia un viaggio un po’ surreale, pur se in chiave computeristica, nello spazio- tempo: due impiegati dell’”ufficio incarnazioni” della “dimensione altra” impersonano il “chip mente” (scienza, tecnologia, logica) e il “chip cuore” (immaginazione, arte, senso del sacro e del mistero) che vengono dati a tutti gli umani, per vedere quanti di loro li usano entrambi. In passato ce ne sono stati diversi, tra i quali, evocati sulla scena, Ipazia di Alessandria, Einstein, Albert Schweitzer, Gaetana Agnesi e soprattutto lui, Leonardo, che più di ogni altro ha saputo spaziare in ogni ambito non solo del sapere. Si dice che sia colui che ha usato più funzionalità cerebrali di ogni altro e che noi ne usiamo, nelle stime migliori, meno del 10 percento…

La parte recitativa era affidata al Gruppo I Recitarmangiando condotto da Elena Moretti e composto da lei stessa, Orelio Durzini, Paolo Lazzarini, e Ramona Nardulli. I testi erano di Gabriella Campioni, Maria Luisa Pizzuti ed Elena Moretti.

L’ipotesi alla base del progetto era ed è che collegare i due “chip” possa costituire una chiave per affrontare in modo costruttivo e creativo le attuali sfide senza precedenti e dunque che Leonardo possa insegnarci qualcosa di utile, vivo e praticabile oggi, al di là dell’ammirazione che continua a suscitare in tutto il mondo. A ispirarci una mentalità inclusiva e olistica, superando quella parcellizzante che tuttora imperversa.

E così, bye-bye, Leonardo, il nostro progetto si conclude qui. Ma se, nell’empireo nel quale ti trovi, hai potuto percepire anche solo una briciola dell’affetto e dell’impegno che abbiamo messo in tutto ciò, dacci una mano, insegnaci e aiutaci a creare un nuovo Umanesimo… Ce n’è tanto bisogno, non solo a Rodano…

Gabriella Campioni

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Il fotomontaggio con Leonardo che cammina sulla Muzzetta è opera di Piera Cicognani. Leonardo aveva inventato anche un modo per camminare sull’acqua…

Rodano in festa 2019: riflessioni personali “da dentro”


Al termine di un’impresa che si è rivelata più titanica del previsto, sentiamo il bisogno di fare una sorta di bilancio “da dentro” in quanto membri della Pro Loco, che ha organizzato anche questa edizione di Rodano in Festa. Perché titanica? Ecco qui un paio di motivazioni, in qualche modo uno sfogo.

Per molti mesi ci siamo incontrati ogni singolo lunedì sera per cercare di organizzare il tutto al meglio. Ebbene, per tre quarti del tempo, se non di più, ci si è dovuti dibattere tra le panie della burocrazia che di anno in anno si fa sempre più vincolante e ha spinto diversi comuni ad annullare eventi già in programmazione. Tutto dev’essere certificato secondo norme in continuo cambiamento (e a volte non troppo chiare), e la certificazione va fatta da chi è “preposto” a termini di legge con tempi e costi difficili da sostenere per un’entità piccola come la nostra. Ovviamente la sicurezza è fondamentale e sta a cuore di qualunque organizzatore, tuttavia… c’è da chiedersi come abbiamo potuto sopravvivere incolumi  per anni a tanti “pericoli”!

Tutto ciò ha portato via tempo, energia ed entusiasmo per i contenuti della festa, comunque siamo andati caparbiamente avanti nonostante il rischio di dover sospendere tutto all’ultimo momento.

La partecipazione della gente è stata numerosa e questo indubbiamente ci ha in parte ricompensati da tanta fatica, però quanti si sono chiesti che cosa c’era dietro ai vari eventi, ad esempio tavoli da spostare da una frazione all’altra, cibi da cucinare, materiali da preparare, ripulitura degli spazi utilizzati e quant’altro? Il tutto è stato portato avanti da volontari, che in pratica sono gli stessi di (molti) anni addietro… Il che significa che stanno – stiamo – invecchiando e ogni tanto, pur facendo quel che facciamo con amore e dedizione, sale il dubbio che il nostro impegno non sia ancora riuscito a creare quel “senso di comunità” che per noi rappresenta un obiettivo primario e oggi sembra più che mai necessario per far fronte alla disgregazione sociale che sta avvenendo.

Sembra permanere l’idea che dare un contributo gratuito  (di braccio, di mente, di idee, di partecipazione: in una comunità serve ogni talento) sia un po’ da fessi… Non ci importa del “titolo”, ma rimane l’amara verità: se non si faranno avanti nuove forze, niente più feste. Niente più neppure quei due o tre giorni all’anno in cui le persone quanto meno stanno gomito a gomito, si vedono in faccia, anche se l’ideale sarebbe comunicare, costruire amicizie… come potrebbe avvenire unendosi a un gruppo incentrato su un progetto, no?

Altro punto: è stato messo un grande impegno anche economico nel realizzare locandine accattivanti e precise, così che tutti sapessero quali attività erano offerte, dove e come partecipare. Perché praticamente nessuno le ha lette e le locandine sono finite, speriamo, nel contenitore della carta da riciclare? E poi si dice che a Rodano manca la comunicazione…

Nonostante tutto questo, la festa è andata bene e abbiamo avuto persino un’eccellenza: la mostra degli acquerelli naturalistici di Franco Testa, autore dei raffinati calendari de L’Erbolario. L’inaugurazione, con l’autorevole presentazione dello scrittore e giornalista Salvatore Giannella, è stata fatta nella stradina antistante Casa Gola, per l’occasione trasformata in sala conferenze. È stato un escamotage per bypassare le norme vincolanti di cui sopra, per le quali solo un numero limitato di persone può accedere al salone del piano superiore per ragioni di sicurezza: comunque insolito, brillante e decisamente gradevole.  Peccato che si possa fare solo quando il “meteo” lo consente.

Ci sia permesso, a questo punto, scendere ancor più nel personale esprimendo soddisfazione per la felice conclusione di “Leonardo a Rodano”, felice per la partecipazione non solo di “spettatori”, ma anche di “attori”: persone e gruppi che hanno contribuito a dare risalto a Leonardo in quanto uomo con le sue luci e le sue ombre, tirandolo giù dal piedistallo del genio pur celebrando anche quello. Una cultura viva e vissuta, insomma, almeno nelle intenzioni. Se ne parlerà in un articolo a parte.

Gabriella Campioni e Maria Luisa Pizzuti

L’Amministrazione informa: ex Sisas Rodano, da problema a opportunità di lavoro


Venerdì scorso si è svolto presso lo stabilimento ex Sisas, che i cittadini rodanesi ricordano bene, un sopralluogo convocato dalla Regione Lombardia (l’attuale proprietaria) con i tecnici e gli amministratori interessati dalle complesse operazioni di bonifica e recupero dell’area.

La zona, lo ricordiamo, si trova per circa il 70 percento sul territorio di Rodano. È stata visitata per verificare lo stato dei luoghi, aggiornare le amministrazioni sui lavori di bonifica e per illustrare loro i prossimi passaggi previsti dal programma di recupero.

All’incontro, per la nostra amministrazione hanno partecipato il sindaco Roberta Maietti e Adalgisa Carminati, responsabile dell’Ufficio ecologia in Comune e che da sempre segue da vicino la complessa vicenda della bonifica.

Insieme a loro c’erano i referenti tecnici di controllo dell’ARPA (l’Agenzia regionale per la protezione ambientale) quelli di Città Metropolitana e di ILSPA (Infrastrutture Lombarda SpA). Quest’ultima realizzerà i lavori previsti dal “Piano di indagine integrativo”, il cui scopo è di verificare la qualità dei suoli e della falda di tutto il sedime industriale sulle aree liberate in seguito allo smantellamento degli impianti produttivi.

Le attività di scavo, i campionamenti dei terreni e della prima falda acquifera saranno avviati nei prossimi giorni e termineranno entro sei mesi. Una volta in possesso dei risultati scientifici, la Regione potrà definire e condividere il futuro destino dell’area insieme con le due Amministrazioni comunali coinvolte (Rodano e Pioltello) sempre presenti ai tavoli di lavoro regionale.

La complessa storia della Sisas si può leggere qui: https://it.wikipedia.org/wiki/SISAS

Sotto, alcune immagini dello stato attuale dei luoghi

Questo slideshow richiede JavaScript.

FRIDAYS FOR FUTURE – Buone piccole notizie a Rodano


Ieri, venerdì 27 settembre, verso le 15 mi telefona un amico dicendo che ha una buona notizia per me. Lui sa bene cosa mi può far piacere dopo molti mesi che tento di organizzare (finora senza successo perché gli adulti Rodanesi, compreso quelli che dovrebbero esserlo, non non sono toccati da questo argomento) una passeggiatina per Rodano di persone che manifestino per i problemi ambientali e del clima.

La buona notizia era che i ragazzi della seconda della scuola secondaria Leonardo da Vinci avevano deciso di riunirsi alle 16 davanti alla scuola per fare un giretto per  Rodano e stavano preparando i cartelli (fatti a mano). Un amico mi ha detto che non poteva venire perché molto impegnato a preparare la “Spannocchiata”, ma mi invitava ad andarci e seguirli. Era certo che sarebbero stati contenti.
Prendo subito la bici e mi avvio: Ne vedo 4 da lontano; poi si avvicinano altri e arriviamo a 10. Sono equipaggiati con biciclette, un monopattino e skateboad. Ogni auto o pedone che passa manifestano tutti insieme ad alta voce per farsi notare e farsi vedere agitando i loro cartelli, forse un po’ timidi; lo erano stati  di più quando mi ero avvicinato a loro presentandomi come vecchio ecologista.
Si parte e le grida riempiono le strade e le piazzette . Il numero è aumentato arrivando a 15 circa di Lucino. A parte me non c’è un altro adulto, genitore, ecc.
Sono pochi? Si, ma Rodano per la prima volta è partita così, quindi molto bene
Greta aveva cominciato così in Svezia, da sola, l’anno scorso. Ieri erano milioni in più di 150 Paesi del mondo.

Messaggio della Sindaca Maietti per il primo giorno di scuola


“Anche quest’anno puntualmente è arrivato il gran giorno, quello dell’inizio dell’anno scolastico. Prima l’infanzia, poi la secondaria e per ultima oggi la primaria hanno aperto le loro porte ai nostri ragazzi.

Il sindaco Roberta Maietti insieme all’assessore Monica Corrado e al consigliere Andrea Manara hanno voluto portare personalmente il loro saluto poiché il ruolo della scuola per la crescita e formazione dei nostri figli è fondamentale.

Roberta, Monica e Andrea augurano agli studenti di trascorrere un buon anno scolastico, fatto di impegno e rispetto reciproco, e ai dirigenti e a tutti gli insegnanti di trovare quell’energia positiva necessaria per affrontare il loro compito che anno dopo anno diventa sempre più impegnativo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Presentazione Spazio Compiti Scuole Medie


Ampliamento loculi cimitero di Lucino: lavori ultimati


Gli interventi di manutenzione straordinaria dei blocchi presenti sul lato est e la costruzione della nuova parete comprendente 20 loculi, 10 ossari e 24 cellette cinerarie sono stati completati.

Si chiama Plogging e puoi farlo anche tu!


I cittadini di Rodano in prima fila per il proprio benessere e per la tutela del proprio territorio
Si chiama plogging ed è un neologismo inventato da una runner svedese. La parola mette assieme due termini: jogging e plocka upp (raccogliere, in svedese) e indica l’attività di chi, da solo o insieme ad altre persone, vuole unire l’attività fisica alla tutela dell’ambiente.

In pratica fa plogging chi, mentre corre, si china a raccogliere i rifiutiche incontra abbandonati lungo percorso. Così facendo ottiene un beneficio doppio: fa bene all’ambiente e a se stesso, perché chinarsi e ripartire mette in azione una gran quantità di muscoli che, nel puro jogging, restano quasi inerti.

Il plogging si sta diffondendo anche nel nostro Paesee per farlo basta poco: buona volontà, rispetto per l’ambiente in cui si vive e voglia di muoversi facendo attività fisica.

È per questo che l’Assessorato all’Ecologia comunica l’iniziativa messa in campo da CEM Ambientecon l’obiettivo di potenziare il plogging, tenerne sotto controllo lo sviluppo nel territorio dei Comuni soci e fornire materiale e distintivi utili per riconoscere e promuovere questa attività ecologica.

CEM Ambiente chiede la collaborazione dei Comuniper censire le iniziative simili già avviate e quelle possibili. Per questa ragione il prossimo 26 settembre, presso CEM di Cavenago Brianza, si svolgerà una riunione di coordinamento.

Il Comune di Rodano si fa parte attiva di questa iniziativae chiede ai cittadini che intendono aderire, sia in forma collettiva sia come singoli, di segnalarlo all’ufficio Ecologia del Comune entro il 9 settembre, in modo che l’Amministrazione possa proporsi come coordinatore delle attività.

Per maggiori informazioni e segnalazioni potete scrivere all’indirizzo email ambiente@comune.rodano.mi.it
oppure telefonare al numero 02-959595226-240

Assessorato all’Ambiente
Ufficio Ecologia

BANDO DI CONCORSO PER L’ASSUNZIONE DEL NUOVO AGENTE DI POLIZIA LOCALE


PUBBLICATO A LUGLIO 2019 IL BANDO DI CONCORSO PER L’ASSUNZIONE DEL NUOVO AGENTE DI POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI RODANO

Con Determina del Responsabile del Settore di Polizia Locale è stato indetto a luglio il CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L’ASSUNZIONE DI N. 1 AGENTE DI POLIZIA LOCALE CAT. C POSIZIONE ECONOMICA C1, A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO.

La scadenza di presentazione delle domande è fissata per il 9 agosto 2019 ore 12.00
Il bando integrale con il fac-simile della domanda sono disponibili sull’albo pretorio e sul sito del Comune di Rodano all’indirizzo: www.comune.rodano.mi.it nella sezione bandi di gara e concorsi.

https://www.comune.rodano.mi.it/c015185/zf/index.php/bandi-di-concorso/index/dettaglio/bando/6

Ferragosto a Rodano


Sciopero 4 ore Trasporto Pubblico


Si avvisa la cittadinanza che, in data 24 luglio 2019,  le OO.SS. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl- Fna, Faisa-Cisal, hanno proclamato uno sciopero nazionale di 4 ore ai sensi della Legge 146/90, così come modificata dalla L. 83/2000.

Saranno garantite le corse in partenza dai capolinea e indicate negli orari:

➢ dall’inizio del servizio sino alle ore 18:00

dalle 22:01 sino a fine servizio
Pertanto potrebbero non essere garantite tutte le corse in partenza nella fascia oraria:

➢ dalle ore 18:01 sino alle 22:00

Estate sicura


Buone nuove per il calcio a Rodano


L’assessore allo sport, Monica Corrado, e l’assessore ai lavori pubblici, Cristian Sanna, comunicano che si sono conclusi positivamente gli incontri per il cambio di gestione della S.C. Rodanese: Andrea Artipo sarà il nuovo referente responsabile del plesso calcistico cittadino, che si avvarrà della collaborazione della storica società dilettantistica milanese S.S.D. Franco Scarioni 1925.

Il nuovo gruppo dirigente e tecnico è già all’opera nella nostra struttura, per avviare la prossima stagione e gestire le attività sportive che porteranno alla regolare apertura dei corsi a settembre.

Per illustrare il nuovo assetto societario e i programmi è stato organizzato un incontro presso il campo sportivo:
Martedì 9 luglio, alle ore 18, con le famiglie interessate alle attività sportive.

L’amministrazione comunale ringrazia il presidente uscente Andrea Meroni, per aver dato continuità all’attività calcistica locale negli ultimi anni e per aver vagliato le diverse opzioni di successione alla presidenza, spinto dal desiderio di trovare la soluzione migliore per la comunità.

—————————————-

Chi è Andrea Artipo
Nato a Milano nel 1990, Artipo ha maturato la sua esperienza nella società sportiva Scarioni. Prima come giocatore, poi ricoprendo vari ruoli all’interno dell’organigramma societario, in particolare per la crescita calcistica dei bambini dai 7 ai 12 anni. Artipo è diplomato istruttore di base Coni-Figc, ha la licenza Uefa C Grassroots e collabora con l’Atalanta Bergamasca Calcio.

Chi è la S.S.D. Franco Scarioni 1925
La società dilettantistica milanese Franco Scarioni nasce a Milano nel 1925. Oggi opera sui campi di via Piranesi, via Abetone, via Cardinal Mezzofanti e nell’attuale quartier generale, il “Piccolo Stadio” di via Tucidide 10, all’Ortica.
Dal 2017 Scarioni è Centro di formazione Atalanta B.C., con 400 Tesserati. Per info:www.scarionicalcio.it

 

Giornata del Verde Pulito


Venerdì 28 giugno il Sindaco Roberta Maietti, con i Consiglieri Cristina Rossi e Andrea Manara, ha partecipato alla premiazione dei Comuni che hanno aderito alla Social call fotografica indetta per la Giornata del Verde Pulito 2019.

A premiare i Comuni partecipanti è stato Raffaele Cattaneo, l’Assessore regionale all’Ambiente e Clima, che ha consegnato a tutti una pergamena in ricordo dell’impegno di ogni Comune nella cura e nella tutela delle aree verdi.

La prossima edizione della Giornata del Verde Pulito si svolgerà il 19 aprile 2020.

Contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati


Si segnala che, con D.d.u.o. 14 giugno 2019 – n. 8615, la Direzione Ambiente e Clima di Regione Lombardia ha approvato il bando per l’assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati, a prevalente destinazione residenziale. I contributi nel loro complesso ammontano a 1.000.000,00 €.

Le domande dovranno essere presentate on-line collegandosi all’indirizzo web www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 10.00 del giorno 8 luglio 2019 e fino alle ore 16.00 del giorno 9 settembre 2019. Tutta la procedura amministrativa del bando avverrà attraverso la suddetta piattaforma informatica.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito di Regione Lombardia.

Vi piace il teatro?


Buon Compleanno Rodano!


Il 21 giugno 1869, con regio decreto viene costituito il Comune di Rodano. Per ricordare la nostra storia e festeggiare i 150 anni i cittadini sono invitati a un incontro pubblico dal titolo

150 ANNI – BUON COMPLEANNO RODANO!

Venerdì 21 giugno 2019 – ore 21
Sala Milù, biblioteca Comunale di Rodano
Programma
  • Presentazione fotografica delle tappe più significative della storia di Rodano, a cura di Gabriella Campioni
  • Presentazione dell’area della biblioteca dedicata alla storia di Rodano
  • Inaugurazione della scultura dello stemma di Rodano realizzata e donata all’Amministrazione dallo scultore rodanese Carlo Chiodelli

E per finire, un brindisi per Rodano

.

Discorso di insediamento


Rinnovo della Commissione Mensa Scolastica


Come previsto dal vigente Regolamento per la Commissione Mensa, l’attività degli attuali componenti si conclude con la fine del mandato dall’Amministrazione comunale, sebbene sia previsto che la loro mansione sarà mantenuta fino alla nomina dei nuovi membri.

Il puntuale lavoro di verifica, di valutazione e monitoraggio del servizio per quanto riguarda la qualità delle materie prime e l’accettabilità dei pasti erogati dalla concessionaria, ha dimostrato competenza e responsabilità da parte di coloro che costantemente si sono prestati e ai quali vanno i ringraziamenti dell’Amministrazione comunale e delle istituzioni scolastiche.

La condivisa collaborazione con il personale della mensa ha permesso inoltre di realizzare tutte le belle iniziative di educazione alimentare, di conoscenza nutrizionale e di animazione con menù a tema, favorendo la sensibilizzazione della popolazione scolastica su svariati argomenti e con un unico obiettivo: il benessere dei nostri alunni attraverso una “materia didattica” come quella dell’alimentazione.

La promozione della salute nella comunità scolastica (alunni, insegnanti ma anche genitori) è quel costante progetto che permette di realizzare le azioni correttive contro alcune malattie come l’obesità, il diabete, l’ipertensione, le patologie cardiovascolari.

Ecco che il ruolo della Commissione diventa oggi più che mai fondamentale; con l’aiuto di Insegnanti e Genitori, forse si potrà rimediare alle profonde modificazioni qualitative e quantitative che con l’attuale benessere sono intervenute anche negativamente nella nostra quotidianità.

Tantissimo è il lavoro fatto dai Genitori e dai Docenti uscenti che ci auguriamo di rivedere in prima linea, ma occorrono nuovi contributi anche perché la Commissione Mensa è composta da:

  • un rappresentante dell’Amministrazione comunale;
  • il Dirigente scolastico o il Referente alla Salute;
  • un rappresentante degli Insegnanti di ciascuna scuola del territorio;
  • nove rappresentanti, possibilmente tre per ciascuna scuola del territorio, dei Genitori, ovvero dei Nonni, degli alunni frequentanti le scuole;
  • un rappresentante dell’azienda concessionaria del servizio

L’individuazione dei rappresentanti degli Insegnanti e del Referente alla Salute è a cura dell’Istituto scolastico mentre quella dei Genitori e/o dei Nonni compente all’Amministrazione comunale.

Tutte le informazioni ed il Regolamento sono disponibili sul sito comunale nella sezione “la scuola
Le domande di candidatura devono essere presentate attraverso lo Sportello polifunzionale del Comune accedendo alla sezione “servizi scolastici

Per ulteriori necessità l’ufficio comunale di Pubblica Istruzione è disponibile negli orari di apertura ovvero per posta elettronica all’indirizzo pubblicaistruzione@comune.rodano.mi.it

Buon compleanno!


Un gesto di solidarietà


Primo Consiglio Comunale


Riaprono le prenotazioni per il Parco dei Morettoni


Sono di nuovo aperte le prenotazioni per il Parco Morettoni. Il parco è disponibile per la concessione ai privati a partire da sabato 22 giugno 2019. Le prenotazioni si effettuano presso l’Ufficio Cultura telefonando al numero 02.95328435 negli orari d’ufficio.

Ufficio Cultura

2 Giugno, Festa della Repubblica


Cari ragazzi, Cari concittadini,

oggi è la festa della nostra Repubblica.  73 anni fa, il 2 e 3 giugno del 1946, appena un anno dopo la fine della seconda guerra mondiale, il popolo italiano – e per popolo italiano intendo tutti, perché anche le donne che avevano compiuto i 21 anni poterono per la prima volta nel nostro paese, esprimere la loro scelta politica- fu chiamato alle urne per il referendum sulla forma istituzionale dello Stato: gli elettori scelsero la Repubblica, ponendo così fine a 85 anni di esperienza monarchica.

Contestualmente al referendum si tennero le elezioni dell’Assemblea Costituente, alla quale sarebbe stato affidato il compito di redigere il testo della nostra Costituzione italiana.

Le donne e gli uomini dell’Assemblea ebbero il difficile compito di dare all’Italia una nuova stagione: quella Costituzione, con poche modifiche intervenute in questi anni, è ancora oggi la legge fondamentale che regola la vita pubblica ed istituzionale del nostro Paese. Quella costituzione è La stessa Che oggi vi consegnerò, a nome di tutti i Rodanesi.

Il nostro compito oggi, dopo 73 anni, deve essere quello di leggere, in quel momento fondativo, le scelte di democrazia, libertà, ascolto dei bisogni del cittadino,apertura all’Europa e al mondo e di renderle a nostra volta nuovamente attuali nel presente e nel prossimo futuro.

Solo recuperando lo spirito di tolleranza e di reciproco rispetto, che animarono gli anni della formazione della Repubblica, riusciremo ad affrontare le sfide dei nostri tempi contribuendo tutti insieme, al miglioramento della nostra società.

È nel perseguire questo spirito che l’amministrazione si propone di celebrare questa giornata avviando un confronto tra generazioni, fondamentale per la sopravvivenza e lo sviluppo di ogni comunità e facendolo con il gesto del passaggio del testimone tra chi oggi governa e chi sarà chiamato domani a governare.

Lo facciamo simbolicamente oggi, consegnandovi la carta dei valori fondanti della società in cui vi abbiamo cresciuto ed in cui continuiamo a credere, perché anche per voi possa essere uno stimolo a credere e lottare per una società più giusta e solidale.

Però, vedete, la costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé.

Perché si muova bisogna ogni giorno metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità. Per questo una delle offese che si fanno alla costituzione è l’indifferenza alla politica, così come anche il sempre più crescente individualismo.

Vi ripropongo l’invito che il Presidente Sandro Pertini rivolse ai giovani italiani nel messaggio di fine anno del 1983:

«Battetevi sempre per la libertà, per la pace, per la giustizia sociale. La libertà senza la giustizia sociale non è che una conquista fragile, che si risolve per molti nella libertà di morire di fame».

Concludo lanciandovi un ultimo appello: tutti siamo chiamati a metterci al servizio della comunità nella costruzione del bene comune. Solo quando capiremo che mettendoci al servizio dei valori più alti e nobili che stanno alla base del benessere comune, realizzeremo a pieno gli intenti della nostra Costituzione e renderemo onore ai sacrifici di vite umane e sofferenze che il nostro popolo, il popolo italiano ha dovuto affrontare. Viva la Repubblica, viva l’Italia.

Buona Festa della Repubblica a Tutti.

 

Roberta Maietti – Sindaca di Rodano

Ampliamento loculi nel Cimitero di Lucino


Completata la manutenzione straordinaria dei blocchi esistenti lato est, sono stati avviati anche i lavori di costruzione di una nuova parete, composta da n. 20 loculi, 10 ossari e 24 cellette cinerarie.

Salvo imprevisti, l’intervento si concluderà entro la fine di giugno, ci scusiamo per gli eventuali disagi.

L’Amministrazione comunale

.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Domenica 2 giugno – dalle ore 9.00 – 1° Anniversario di Sons of Fight


Grazie!


Carissimi Rodanesi

desidero ringraziarvi di cuore per la fiducia accordata a me e alla squadra di Uniti per Rodano.

E’ con grande onore e responsabilità che mi prenderò cura del nostro amato paese, mettendo a disposizione la mia forza e determinazione ma sempre con il sorriso e l’accoglienza che come sapete ben mi caratterizzano.

L’esito delle votazioni dimostra l’apprezzamento per il lavoro svolto dalla precedente Amministrazione guidata da Danilo Bruschi. Questa è la base di partenza per proseguire il lavoro, in continuità ma con lo sguardo ai nuovi obiettivi da realizzare.

La campagna elettorale è stata caratterizzata da una spiccata vivacità, a volte alquanto accesa: lo considero un ottimo segnale per Rodano! I rodanesi ci tengono al proprio paese e lo voglio vedere bello, vivo ed efficiente.

Mi auguro, anzi, CI auguriamo che questa rinnovata passione si traduca sempre più in partecipazione e rispetto, ed attraverso il dialogo e il confronto continuo si prosegua nella rinascita di Rodano.

Grazie.

Roberta Maietti – Sindaca di Rodano

A Rodano, l’arte è nel segno dell’inclusione


18 Maggio 2019: in Biblioteca si celebra il “vernissage” di una mostra collettiva, nata dichiaratamente sull’onda delle estemporanee di pittura che si tenevano anni fa, ma al tempo stesso forte di alcune, significative novità.

I partecipanti sono sette, più il gruppo dei bambini della “Bottega dell’arte” condotta inizialmente da Debora Persico e successivamente anche da Marcella Bonfanti, Simona Menta e Margherita Piazzese, “arruolate” per far fronte al crescente numero di richieste e per allargare le possibilità espressive dei bambini grazie ad altri linguaggi oltre all’illustrazione: la modellazione della creta, la pittura, i pupazzi fatti a mano…!

La prima caratteristica inclusiva prende dunque il nome di intergenerazionalità: a parte i bambini, le età vanno dai 18 anni fino ai 70 e oltre. Ovviamente sono rappresentati entrambi i generi e abbiamo persino un abbraccio di respiro mondiale grazie a Marcella Bonfanti, che è di origine cilena.

Alcuni di loro sono artisti a tempo pieno o quasi, altri sono dilettanti nel senso letterale del diletto che traggono dalla pittura… che non è certo minore nei primi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se in natura si parla di biodiversità, qui potremmo parlare di “arte-diversità” in quanto a varietà di stili e soggetti. Le caratteristiche che accomunano queste persone sono la passione, quasi una necessità insopprimibile di esprimersi attraverso le immagini, e la creatività, strumento indispensabile in tempi in cui tutto cambia e c’è bisogno di soluzioni inedite ai problemi senza precedenti che ci troviamo a dover affrontare. L’arte, dunque, come una palestra in cui allenare la creatività come un muscolo, particolarmente indicata per i bambini e i giovani impegnati a costruirsi un futuro in questo nostro mondo “fluido”. Il tutto attraverso la conoscenza sia delle proprie ombre che delle proprie luci che si conquista attraverso l’arte, nell’obiettivo di diventare persone a tutto tondo, consapevoli di sé.

Per concludere, l’evento ha dato una prima idea del tesoro umano e sociale che alberga anche in un paese piccolo come il nostro. Un tesoro ancora da esplorare ed è importante farlo. A fronte delle tante brutture dalle quali veniamo quotidianamente bersagliati non solo dai media, c’è bisogno di bellezza che, come ha detto Dostoevskij, salvi il mondo… e lo unisca, come è successo qui, in questo minuscolo evento in questo minuscolo fazzoletto del Pianeta.

La mostra, allestita con l’usuale competenza da Rita Lorenzetti e Achille Colombi, resterà aperta due settimane ed è visitabile durante gli orari della Biblioteca.

Gabriella Campioni

(Scarica profilo pittori)

(Scarica la locandina “La bottega dell’arte dei bambini”)

 

 

“Uniti per Rodano” conclude la campagna elettorale


Distribuzione sacchi per la raccolta differenziata: ultimi giorni!


Si informa la cittadinanza (utente domestiche e non domestiche) che il 31 maggio 2019 è l’ultimo giorno utile per ritirare la dotazione annuale dei sacchi per le raccolte differenziate.  Non ci saranno altri periodi di distribuzione, fatta salva l’integrazione a pagamento di Ecuo Sacco (rosso e/o azzurri) esauriti in corso d’anno o per nuovi residenti / attività.

L’Europa è la nostra casa


Per un approfondimento: Antonio Padoa Schioppa – Perché l’Europa – Dialogo con un giovane elettore (scarica il documento)

Interventi di manutenzione straordinaria presso Scuola Primaria


Consegnati all’impresa aggiudicataria, i lavori di risanamento delle facciate del fabbricato refettorio e palestra. L’intervento si è reso necessario per eliminare il pericolo determinato dal distacco e conseguente caduta di rilevanti porzioni di intonaco, ormai fortemente compromesso a causa delle infiltrazioni d’acqua. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

I lavori, interamente finanziati grazie a contributi statali per complessivi € 50.000, si concluderanno entro il mese di giugno.

Cristian Sanna – Assessore Ambiente e Territorio

Tempo d’estate – Giochi di bimbi


Rodano ai tempi di Leonardo


Assunzione di un nuovo vigile


AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA’ VOLONTARIA ESTERNA AI SENSI DELL’ART. 30 D.LGS. N. 165/2001 E S.M.I. PER L’ASSUNZIONE DI UN AGENTE DELLA POLIZIA LOCALE CAT C1 – A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO 

La presentazione della domanda e dei documenti allegati alla stessa dovrà avvenire entro il giorno: 14 giugno 2019 – ore 13,30. Nel caso non dovessero pervenire domande, si procederà con l’indizione del concorso pubblico per esami.

qui link

L’angelo custode nella prima scuola statale a Rodano


La statua dell’angelo custode, molto cara a tutti i rodanesi che hanno frequentato l’asilo e poi la scuola elementare a Lucino, presente da sempre nell’ala sinistra del vecchio comune, è stata tolta per essere inviata al restauro. Indipendentemente dalla sorte che subirà la vecchia struttura comunale, l’Angelo Custode verrà restaurato dalle mani di un artista che aveva già notato anni fa lo stato di abbandono della statua che vuole esprimere tutt’altro: uno sguardo amorevole a protezione dell’infanzia: “Angelo di Dio che sei il mio custode…”

Si augurano tutti che l’immagine possa tornare sul suo piedistallo sistemato in posizione privilegiata nel vecchio edificio quando verrà rivisitato per essere adibito alle nuove necessità del paese, però secondo un progetto che ricorderà le forme del 1937.

Due anni fa Domenico Barboni mostrò ad alcuni amici una serie di appunti, frutto di una sua ricerca che continua sulla storia viva di Rodano, quella che non finisce sui libri di scuola, ma che resta incisa nel cuore di chi è stato testimone di fatti accaduti.  Si decise di pubblicare su Rodano News una serie di articoli che trattano le vicissitudini vissute dai rodanesi per mandare a scuola i propri figli a partire dall’inizio del ‘900, quando non esisteva ancora l’edificio.

Visto l’interesse suscitato dalla presentazione fatta in Casa Gola del progetto di recupero delle piazze del centro storico di Lucino, compreso il riutilizzo dell’edificio ex comune mantenendo solo le sue linee essenziali, abbiamo intuito che la riedizione di quegli articoli, inserendoli in una cornice di un pieghevole con una prefazione e una postfazione, potesse incontrare l’interesse di molti rodanesi, curiosi di conoscere gli antefatti che hanno influito sulla decisione di costruire a Rodano

un edificio scolastico di tale dimensione in un piccolo comune allora abitato da 1300 abitanti.

Questo episodio costituisce un invito per dare forma ad un gruppo di interesse che farà capo alla Biblioteca Comunale per iniziare a pubblicare una serie di fascicoli tematici partendo dalla documentazione esistente e da quella conservata presso archivi pubblici e privati. La raccolta dei documenti fatta da Domenico e le sue annotazioni preziose diventano un punto avanzato da cui partire.

Domenico Barboni e Achille Colombi

Scarica la brochure

 

“Campi, fontanili e Città Metropolitana”. Cosa sta succedendo a 3 km da Rodano?


Solo tre anni fa, il coordinamento delle diverse associazioni aveva dato quel titolo a “Rodano in festa 2016”per dibattere il tema quale vocazione avrebbe avuto Rodano nella futura Città Metropolitana.

L’articolo di Carlo Ratti su Corriere Economia del 26 aprile, “La Città spiegata ai nostri figli” mi ha colpito come padre-nonno perché mi ha offerto uno sguardo insolito sul rapporto tra paese e città, tra Rodano e Milano. Vorrei per un attimo immaginarmi il futuro prossimo e far tacere il lamento che da anni si riversa sempre sul trasporto pubblico insufficiente per il nostro paese.  Ha sempre prevalso l’idea di considerare Rodano un’isola verde e felice, abitata da cittadini dalla tripla A, che hanno scelto Rodano ben consapevoli che solo l’auto privata avrebbe risolto il trasporto casa-lavoro. Dopo 40 anni, la prospettiva sta cambiando. Dobbiamo finirla di considerarci un paese isolato di 4600 persone; siamo già diventati una comunità matura, che abita le case a pochi metri dai campi agricoli ma che già respira “smart city”.  Siamo “città intelligente” … almeno la possiamo già immaginare.

Ecco i segnali di futuro che fanno capolino non lontano da Rodano e che sono un invito a guardare avanti: nella primavera del 2014 viene inaugurata la BREBEMI, infrastruttura contestatissima.

Oggi, con la nuova Rivoltana e con il passante ferroviario alla stazione di Limito, si arriva in piazza Duomo in soli 20 minuti. Significativo il titolo “20’ to Milan”dato dall’autore rodanese, Giancarlo Carnieli, ad un piccolo elegante volume di suggestive fotografie che parlano del nostro territorio agricolo con uno sguardo ricco di tenerezza.

Siamo solo all’inizio: il potenziamento dell’aeroporto di Linate nei prossimi mesi estivi ed il prolungamento previsto della Linea Metro Blu fino a Segrate lasciano intravedere una concentrazione impressionante di interessi economici su quell’ area.

A fine 2021 è prevista l’inaugurazione della Città Commerciale Westfield Milanocon un indotto da capogiro. Da lì a poco prenderà forma un’officina ad alta automazione (industria 4.0) ubicata nello scalo di Milano Smistamento,adiacente al Polo Intermodale container, dedicata alla manutenzione dei carri ferroviari merci a cura di Mercitalia Rail, società di trasporto del gruppo Ferrovie dello Stato, assieme a Lucchini RS,azienda specializzata nella progettazione, produzione e vendita di ruote, assili e sale montate di rotabili ferroviari. Non è detto che la stessa area Sisaspossa, nel futuro prossimo, far gola ai colossi della logistica internazionale. Rodano stessa potrebbe tornare

ad essere un luogo privilegiato per abitarvi da parte dei futuri operatori del centro di Segrate come lo fu quando Mondadori ed IBM spostarono la loro sede negli anni 70’.

Questi segnali sono preludio ad una riconfigurazione inevitabile della viabilità e del trasporto pubblico e privato nella nostra area. Non sono da escludere possibili sistemi ibridi tra l’uno e l’altro con le nuove tecnologie che prenderanno piede a breve (veicoli elettrici e 5G).

La nuova Amministrazione dovrà tenere gli occhi aperti per non perdere occasione di fare rete con tutti i portatori di interessi della zona. Rodano allora potrà offrirsi come luogo interessante per i nuovi insediamenti produttivi e quindi, gioco forza, riuscirà ad incrementare il suo trasporto pubblico verso la rete ferroviaria e metropolitana. Vincerà quella squadra formata anche da  giovani  competenti ed intraprendenti che,  conoscendo le nuove tecnologie, sapranno tradurre i sogni in  progetti concreti nel nostro Comune.

Il link offre tanti spunti di riflessione.

https://vimeo.com/243632161

Achille Colombi, membro nella Commissione Territorio & Ambiente 2014-2019.  

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inizati i lavori per la nuova fermata scuolabus in Via Roma


Dopo i lavori di riqualificazione della fermata scuolabus di via delle Querce effettuati nel 2016, anche la scuola secondaria di via Roma avrà una nuova fermata più sicura e a norma di legge: i bus non saranno più costretti a imboccare il controviale per poi uscire in retromarcia ma potranno utilizzare un apposito golfo di fermata, realizzato lungo la via Roma a lato della carreggiata stradale.

Cristian Sanna
Assessore Ambiente e Territorio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ottagono di Millepini: un aggiornamento


Si è concluso il temine di presentazione di proposte a seguito dell’avviso di consultazione preliminare di mercato, pubblicato il primo aprile 2019 e volto ad identificare potenziali operatori interessati alla gestione in concessione/locazione della struttura comunale. Tale procedimento ha prodotto risultati che lasciano ben sperare per il rilancio della struttura. Tre sono infatti i soggetti privati che si sono proposti, presentando progetti rivolti al settore della ristorazione e ai servizio socio-culturali.

Cristina Rossi
Assessorato Pubblica Istruzione, Cultura, Politiche Giovanili

Buon Compleanno, William!


DISTRIBUZIONE 2019 SACCHI E RACCOLTE DIFFERENZIATE


Solo dal 6 al 31 maggio 2019  tutte le utenze domentiche e non domestiche potranno ritirare la propria fornitura annuale dei sacchi per le raccolte differenziate, presso la sala consigliare del Municipio di Via Turati 9, nei seguenti giorni e orari:

 

Giorni Mattino Pomeriggio
lunedì dalle 9,00 alle 12,30 dalle 14,00 alle 17,00
martedì dalle 8,30 alle 13,30 chiuso
mercoledì dalle 9,00 alle 12,30 dalle 14,00 alle 18,30
giovedì e venerdì dalle 8,30 alle 13,30 chiuso
sabato dalle 9,00 alle 13,00 chiuso
domenica chiuso chiuso

Per il ritiro bisogna essere in possesso di CRS/CNS per le utenze domestiche e CEMCard per le utenze non domestiche (attività produttive, commerciali, servizi, seconde case, ecc) , sarà possibile ritirare anche per conto terzi avendo con se le predette tessere.
Si consiglia di munirsi di borsa o shopper.
Si rammenta che non ci saranno altri periodi di distribuzione, fatta salva l’integrazione a pagamento di EcuoSacco (rosso e/o azzurri) esauriti in corso d’anno.

Per maggiori informazioni è possibile consultare:

“SERENI ORIZZONTI” CERCA PERSONALE PER LE SUE NUOVE RSA A RODANO E A MILANO LAMBRATE


Il gruppo friulano “Sereni Orizzonti”, azienda leader in Italia nel settore della costruzione e gestione di residenze sanitarie per anziani, cerca nuovo personale (in particolare infermieri e operatori socio-sanitari) che vada ad aggiungersi a quello già in organico nelle sue nuove RSA di Rodano e Milano Lambrate. Gli interessati possono presentare la loro candidatura direttamente presso la reception delle strutture, aperte entrambe da poco più di un mese.

Completamente ristrutturata, la residenza di Milano Lambrate gode di una posizione centrale ma facilmente accessibile con i mezzi pubblici e dispone di parcheggi sotterranei nei piani interrati. Dotata di un ampio e curato giardino, la struttura ospita 80 posti letto per anziani non autosufficienti distribuiti su 4 piani ed è dotata di una cucina interna. Dispone tra l’altro di sale dedicate alla socializzazione, laboratori per attività ludico-creative e per la stimolazione cognitiva e di una grande cappella nella quale poter assistere alle funzioni religiose. Tra i servizi disponibili vi sono quelli di cura della persona (parrucchiere e podologo) e la possibilità di diete personalizzate.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

La RSA di Rodano sorge invece su un’area di 4mila metri quadrati in Via De Gasperi e dispone di 90 posti letti per anziani non autosufficienti. È stata costruita da “Sereni Orizzonti” applicando i criteri più avanzati di efficientamento energetico (anche con l’installazione di impianti solari termici e fotovoltaici) e si caratterizza per un ampio e innovativo utilizzo della domotica assistenziale, pensata per facilitare al massimo la vita degli ospiti con ridotta mobilità e garantirne al tempo stesso la piena sicurezza.

In entrambe le residenze opera un’équipe multidisciplinare altamente qualificata che assicura agli ospiti un’adeguata assistenza medico-infermieristica e riabilitativa, anche grazie all’utilizzo di strumentazioni tecnologiche all’avanguardia in ambito sanitario e assistenziale. Entrambe le strutture sono attrezzate in modo particolare per far fronte alle patologie cronico-degenerative.

Con l’apertura di queste due RSA il gruppo “Sereni Orizzonti”, guidato da Massimo Blasoni, ha consolidato ulteriormente la sua presenza in Lombardia. Altre sue cinque residenze operano infatti da tempo nelle province di Milano (a Cusano Milanino), Cremona (a Fiesco) e Pavia (a Menconico e Rivanazzano Terme).

Rodano Run 2019


Ti sei iscritto alla corsa più attesa dell’anno?
La RODANO RUN torna in Seconda Edizione più carica che mai!!

Ti aspettiamo nei punti di iscrizione:
Polisportiva di Rodano, lunedì e giovedì, 17:00-19:00
Solaris, via Cavour 25, Melzo
Solaris, via Piave 1, Gorgonzola

E sul sito rodanorun.webnode.it

 

Realizzazione nuovo parcheggio p.zza delle Betulle e manutenzione strade


Completata la rimozione della vecchia cisterna e verificato che i risultati sui campioni di fondo e pareti dello scavo, sono pienamente conformi alla normativa, si è potuto procedere con la variazione di bilancio, avvenuta nella seduta di Consiglio Comunale del 5 aprile, con la quale sono state stanziate anche le risorse per la realizzazione del parcheggio di piazza delle Betulle e la manutenzione di alcune strade.

Nello specifico saranno previsti due lotti da realizzarsi in tempi differenti, cosi come rappresentati negli allegati grafici 1A e 1B

Primo Lotto – già finanziato, verrà completato entro il 2019. Gli interventi previsti sono:

  • costruzione di un parcheggio per n.36 autovetture con accesso da via delle Querce (vedi allegato 1A);
  • realizzazione percorso pedonale di collegamento tra la via del Mandorlo e piazza delle Betulle;
  • nuovo impianto illuminazione;
  • manutenzione arredo e verde p.zza delle Betulle;
  • rifacimento manto stradale via dei Tigli e parcheggio scuola primaria;

Una volta realizzato il parcheggio e creata la nuova viabilità di accesso, l’area potrà tornare ad ospitare il mercato locale, oggi confinato all’esterno dell’abitato e altre manifestazioni temporanee di varia natura (streetfood, mercatino hobbisti etc.).

Secondo Lotto – da finanziare con il prossimo stanziamento di bilancio, verrà realizzato nel 2020. Gli interventi previsti sono:

  • realizzazione percorso pedonale di collegamento diretto tra piazza delle Betulle e Parco Venezia;
  • manutenzione verde con nuove piantumazioni ex campo da calcio;
  • manutenzione straordinari strada e marciapiede via Venezia;

 

Cristian Sanna – Assessore Ambiente e Territorio

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

25 Aprile – 74esimo anniversario della Liberazione


Anche il Parco dei Morettoni si rinnova


Oltre ai lavori si manutenzione straordinaria che hanno interessato l’area del fontanile, ormai in fase di ultimazione, nei giorni scorsi sono stati avviati anche gli interventi di riqualificazione del parco Morettoni, già programmati nel 2018. Interventi che prevedono la demolizioni delle vecchie strutture esistenti, container compresi, e la costruzione di un fabbricato in legno destinato a servizio ristoro, con annesso deposito e bagno accessibile ai diversamente abili.

L’immobile sarà dotato di corrente elettrica, acqua potabile e sistema di smaltimento delle acque reflue. Tutti gli impianti verranno quindi realizzati ex novo , secondo le normative vigenti.

In sostituzione del vecchio arredo, è stata prevista la fornitura di nuovi tavoli picnic, cestini, rastrelliere per biciclette e staccionata in legno a delimitazione del laghetto.

Un investimento economico importante per la nostra piccola comunità ma necessario, sia per far fronte allo stato di degrado in cui versavano le strutture e gli impianti del parco, frequentato per lo più da famiglie con bambini, sia per supportare fattivamente il lavoro dei volontari che da anni gestiscono l’area, offrendo un prezioso servizio alla comunità.

Grazie a nuovi stanziamenti in fase di definizione, si completerà il tutto con la realizzazione dei sistemi antintrusione (inferriate, telecamera e illuminazione dedicata) e di un’area giochi.

Cristian Sanna – Assessore Ambiente e Territorio

Incontro ravvicinato con Leonardo


Il 30 e 31 Marzo si è svolta la prima di una serie di iniziative dedicate al cinquecentenario Leonardiano sotto la bandiera della Pro Loco con il patrocinio del Comune. Una caratteristica che l’ha resa peculiare e per me entusiasmante è che all’idea si sono via via e spontaneamente aggregati vari attori che hanno contribuito al successo dell’evento. Lo spirito del Rinascimento e in particolare di Leonardo, teso alla fusione dei più (apparentemente) diversi saperi e abilità si è così manifestato concretamente nel nostro minuscolo fazzoletto di mondo…

Nell’aula magna della scuola media è stata allestita una mostra dei modelli delle macchine di ingegneria militare del genio vinciano. I modelli, straordinari perché funzionanti, sono opera di Enzo Poli di Soresina, noto a molti, che li ha illustrati con passione e competenza nel corso di attente e affollate visite guidate. L’allestimento, puntuale e preciso, è stato curato dall’associazione rodanese “Un’ondata di modellismo”.

Il locale antistante è diventato l’”antro di Leonardo”, ipotetica ricostruzione del suo studio, ricca di suppellettili e pavesata con stendardi dell’ahimè “defunto” Palio di Rodano. L’allestimento è stato realizzato con grande passione dalla nostra Contraddanza, il gruppo dedito a danze del periodo rinascimentale e successivi, alcuni dei cui membri sono intervenuti con i loro accuratissimi costumi d’epoca per dare ancor più colore all’ambientazione.

Qui i presenti hanno potuto assistere a tre repliche di una gustosa rappresentazione del rapporto fra Leonardo e Maturina, la fantesca che egli cita nel suo testamento, entrambi “in persona”. Leonardo era interpretato da Lauro Maiani e Maturina da Elena Moretti, alla quale si deve il testo. Entrambi toscani, sono stati molto apprezzati anche grazie al loro accento e spirito “verace” tanto che, al termine, molti bambini e adulti si sono voluti fotografare con loro. Per me è stato commovente indossare ancora una volta (a fatica!) il mio abito del Palio per entrare e far entrare i presenti nello spirito della rievocazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma non basta. Gli scout dell’Assoraider hanno costruito un ponte leonardesco di fronte alla scuola. Gli “Amici di Rodano” hanno curato il punto ristoro e due membri dello R&D Team di Briavacca sono intervenuti a cavallo come “servizio d’onore” ma facendo anche provare l’emozione della sella a molti bambini. In più, oltre ovviamente alla Pro Loco, la scuola media, l’oratorio, Il Fontanile e tante persone che hanno lavorato “di braccio” perché il tutto girasse armoniosamente. Presenti anche Emergency e le sculture del rodanese Maurizio Dini, che, adulto, ha scoperto di avere una passione per i piccoli tronchi e rami, ai quali dà nuova vita.

Dulcis in fundo, la scuola dell’infanzia ha presentato la documentazione di un lavoro eccezionale: l’apprendimento dello schema corporeo attraverso il celebre Uomo Vitruviano. Oltre a innumerevoli fotografie e disegni, accanto all’Uomo stesso, che funge da labaro per il nostro plesso scolastico (appunto intitolato a Leonardo da Vinci), troneggiava, si direbbe unico al mondo, un… Bimbo Vitruviano!

Come già detto, questa è stata la prima di una serie di iniziative che si svolgeranno nel corso dell’anno, intitolate “Leonardo a Rodano” con l’intento di dare un taglio affettivo, pur nell’accuratezza della documentazione, al ricordo di un uomo che, come tutti i grandi, viene spesso rivestito da una patina di freddezza e di lontananza, se non di muffa. La folta affluenza consente di scommettere sulla bontà dell’idea.

Il prossimo appuntamento è per il 17 maggio, con una serata dedicata a Rodano ai tempi di Leonardo. Nel frattempo è stato lanciato un concorso di scrittura fantasy intitolato “E se…”: e se Leonardo, nei suoi spostamenti tra Milano, Vaprio d’Adda e dintorni, fosse passato anche da qui, quanto meno interessandosi alle opere idrauliche che facevano da contorno a fontanili, marcite e antiche cascine e abbazie, o magari ristorandosi a una locanda o a una stazione di posta per il cambio dei cavalli?…

Il concorso è aperto a tutti, di qualunque età. Non vuole certo essere una gara letteraria, bensì un gioco grazie al quale osservare i vari angoli del nostro paese con occhi nuovi (o antichi?) e lasciar volare la fantasia immedesimandosi in possibili scene di vita di allora. La serata del 17 Maggio intende essere un aiuto in tal senso. C’è tempo fino al 15 Luglio, quindi un mucchio di occasioni per passeggiate in cui sbizzarrirsi.

Tra l’altro non sono pochi i rodanesi che si sono cimentati con la scrittura: sarebbe bellissimo che dedicassero un pizzico del loro talento a questo gioco collettivo, no?

Il bando di concorso è disponibile in biblioteca o può essere richiesto a: infoprolocorodano@gmail.com

 

Gabriella Campioni

Presentazione progetti di opere pubbliche


Giornata del Verde Pulito


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: